Specializzazioni

Esigenze costantemente crescenti, sviluppi ulteriori nelle tecniche di trapianto di capelli e miglioramenti tecnologici: tutti questi fattori indicano la necessità di una grande specializzazione. Competenza e specializzazione è anche ciò che è i pazienti richiedono. Ogni specializzazione in una specifica materiale ha come finalità quella di utilizzare le migliori soluzioni possibili per ottenere i migliori risultati possibili. Ecco perché il Dr.Feriduni ed il suo team lavorano solo con un’ottica di grande specializzazione. Il Dr. Feriduni ha dedicato tutto il suo tempo ed energia alla chirurgia estetica fin dal 1997. Il suo focalizzarsi in una materia così impegnativa gli ha permesso di diventare uno dei migliori specialisti nel campo dei trapianti di capelli. Leggete in quali specifici campi è specializzato il Dr. Bijan Feriduni.

Specializzazioni del Dr. Feriduni

1. Attaccatura
2. Gli angoli temporali
3. Densità dei capelli
4. Tecnica delle incisioni laterali
5. Sutura tricofitica
6. Avanzamento chirurgico dell’attaccatura
7. Trapianto di capelli ricostruttivo
8. Trapianto di ciglia

 

1. Attaccatura

Imitare la natura: ottenere attaccature perfette dall’aspetto naturale

Tutti i pazienti desiderano che il loro trapianto di capelli sia perfetto e questo è anche il desiderio del chirurgo che esegue l’intervento. Il punto fondamentale di ogni trapianto di capelli: ottenere un risultato il più naturale possibile senza che sia ovvio che una persona si è sottoposta ad un trapianto di capelli e rendere l’intervento il più gradevole possibile per il paziente. L’ottenimento di un’attaccatura naturale è uno dei criteri più importanti in base al quale si seleziona un chirurgo, tutti i pazienti desiderano che il risultato finale sia positivo senza che si noti che ci si è sottoposti ad un trapianto di capelli. Vi sono differenti aspetti che entrano in gioco per il raggiungimento di tale naturalezza. Per disegnare un’attaccatura naturale occorre avere un’adeguata conoscenza delle differenti tecniche, aver esperienza, uno stile di lavoro meticoloso, talento artistico ed un’immaginazione tridimensionale. Occorre anche considerare le proporzioni facciali ed i desideri del paziente.

Pianificando la bellezza

La bellezza e l’aspetto esteticamente gradevole del viso dipende in grande misura dall’armonia delle sue proporzioni. Molto spesso non solo la nostra soddisfazione psicologica ma anche l’impressione che si dà agli altri, la scelta del partner e le proprie prospettive lavorative sono legate in grande misura al nostro senso estetico e alla bellezza. Il focus si concentra sul viso e sull’interazione tra occhi, naso, bocca e capelli. Questa armonia, che consideriamo bellissima ed estetica, era già stata sottolineata da Leonardo da Vinci secoli fa, come si è scoperto nei suoi studi sulle proporzione e nella sua Sezione Aurea. Lo stesso è vero per i numeri di Fibonacci e la loro relazione con la Sezione Aurea: vediamo una certa relazione tra due numeri o dimensioni di una proporzione ideale come epitome di estetica, armonia e bellezza.

derdes

Questo si applica all’arte, all’architettura, ed alla natura. Essendo il viso una parte della natura questi principi si applicano anche al volto, ed in particolar modo l’attaccatura gioca un ruolo decisivo nel determinare l’armonia facciale. Quando si perdono i capelli attorno all’attaccatura vediamo nel viso della persona una mancanza di armonia. Questo spiega la grande importanza dell’attaccatura.
Il riconoscimento dei principi relativi alle proporzioni facciali richiede che il chirurgo non solo conosca tali principi, ma li capisca pienamente e sia in grado di applicarli praticamente creando un risultato che sia totalmente naturale senza che sia evidente l’essersi sottoposti ad un trapianto di capelli.

 

2. Gli angoli temporali

Parti dell’attaccatura

L’attaccatura ai lati del viso incornicia il volto, contribuendo notevolmente al suo aspetto e giocando un ruolo fondamentale per far apparire una persona giovane e per rendere il volto gradevole agli occhi degli altri. Questo significa che un’attaccatura arretrata o una caduta di capelli legata all’età nell’area delle tempie può cambiare drasticamente l’armonia del viso. Spesso la persona che è colpita da questa caduta peggiora la sua apparenza ed è perciò che il disegno dell’attaccatura ai lati della testa, delle tempie e dei picchi temporali è di grande importanza nella pianificazione di un trapianto di capelli.

Per ricostruire la giusta attaccatura, in quelle zone (così come nella parte superiore e mediana dell’attaccatura) si innestano singole unità follicolari. Il disegno dell’area delle tempie richiede una grande abilità da parte del chirurgo della calvizie. Il medico non deve solo avere piena padronanza delle tecniche di trapianto di capelli ma anche la giusta esperienza ed il talento artistico necessario per raggiungere un risultato che non lasci pensare in nessun modo che il paziente si è sottoposto ad un trapianto di capelli.

Risultati

Temporal peaks

 

 

3. Densità dei capelli

Diversa da un paziente all’altro

Il termina “densità capillare” fa riferimento al numero di unità follicolari per centimetro quadrato di cuoio capelluto. La densità capillare media di uno scalpo sano varia tra 60 e 110 unità follicolari per centimetro quadrato. La densità varia da una persona all’altra, ciò significa che non è facile stabilire quale sia la densità naturale per un trapianto di capelli. L’obiettivo di ogni trapianto di capelli è quello di ottenere un risultato esteticamente gradevole che sia il più naturale possibile. Per raggiungere questo obiettivo, il chirurgo non solo deve conoscere la densità capillare del paziente al momento dell’intervento di trapianto di capelli, ma deve tener conto anche della possibile caduta futura legata all’invecchiamento. Questo processo richiede tempo, pazienza, esperienza e talento. Il risultato può, infatti, apparire antiestetico quando i capelli sono troppo radi o, viceversa, vi è una densità eccessiva.

Qual è la conseguenza logica di tutto ciò? Il successo e la qualità di un trapianto di capelli sono in grande misura legate alla quantità di capelli trapiantati e alla loro naturalezza. Quante più unità follicolari sono disponibili tanto più naturale è il risultato che ci si può legittimamente attendere. Un numero maggiore di unità follicolari disponibili, la ridotta dimensione delle unità follicolari e l’uso di una tecnica speciale di incisione (La tecnica delle incisioni laterali) fanno si che le unità follicolari possano essere innestate con una densità maggiore (Dense packing). Questo significa, a sua volta, che si renderà necessario un solo intervento chirurgico (Filosofia della sessione unica).

 

4. Tecnica delle incisioni laterali

L’allineamento naturale dei capell

L’uso della tecnica delle incisioni laterali fa si che queste siano eseguite tenendo in considerazione il naturale allineamento dei capelli. Si possono inoltre raggiungere densità capillari più elevate, il che significa che il risultato sarà armonioso ed apparirà del tutto naturale. Il metodo Lateral Slit rende l’angolo ed il posizionamento dei capelli persino più naturale. L’uso delle Lateral slit è particolarmente vantaggioso in aree come quella frontale e laterale dell’attaccatura, dove la pelle è fine e sensibile.
L’uso delle tecnica delle incisioni laterali richiede un grande perizia da parte del chirurgo della calvizie e del suo team, in particolar modo per la fase di preparazione delle incisioni e di innesto delle unità follicolari.

 

5. Sutura tricofitica

Il modo migliore di suturare ferite senza lasciare cicatrici visibili 

La sutura tricofitica, o come spesso si usa abbreviare, la Trico, è una tecnica utilizzata per chiudere le ferite. Il vantaggio principale è che la ferita in area donante diventa praticamente invisibile. Questa tecnica è utilizzata nel corso degli interventi FUT per suturare la ferita derivante dalla rimozione della losanga di cuoio capelluto. Le ferite sono suturare in modo che i capelli possano successivamente crescere all’interno della cicatrice, rendendola in questo modo praticamente invisibile. Questa è la ragione per cui la Trico è la tecnica preferibile quando si richiedono interventi correttivi o ricostruttivi o quando il paziente desidera portare i capelli molto corti.

Per eseguire questa tecnica con successo, e si deve ricordare che non si può utilizzare per tutti i pazienti, è necessario avere molta esperienza ed una profonda conoscenza delle tecniche di sutura, delle struttura dello scalpo e dei capelli e di come sia meglio “progettare” le cicatrici.

TPC

 

 

6. Avanzamento chirurgico dell’attaccatura (SHA-lift)

Il posizionamento dell’attaccatura femminile è piuttosto variabile. Un’attaccatura femminile “normale” tuttavia è tipicamente posizionata 5 o 6.5 cm sopra le sopracciglia e solitamente inizia nel punto in cui lo scalpo passa da una posizione più orizzontale ad una verticale. Questa posizione ideale permette di acconciare i capelli con facilità e offre il corretto equilibrio e un’adeguata armonia delle proporzioni facciali.

SHA lift

Vi sono alcune donne che presentano ereditariamente un’attaccatura alta o una fronte spaziosa. L’attaccatura alta può far si che una donna abbia un aspetto più mascolino e/o sembri più grande della sua età. La fronte alta che ne deriva è poi considerata come poco gradevole esteticamente e tutto ciò fa si che le opzioni di pettinatura per queste donne siano spesso limitate a una frangia per cercare di nascondere il problema il più possibile. Queste donne, persino se non presentano segni di caduta di capelli, sono insoddisfatte della loro fronte alta e desiderano abbassare la loro attaccatura posizionandola ad un’altezza esteticamente più gradevole.  

L’intervento di abbassamento dell’attaccatura femminile inizia realizzando un’incisione tricofitica molto sottile e irregolare tra i piccoli capelli fini che definiscono la parte anteriore dell’attaccatura. Questa incisione taglia trasversalmente il fusto dei capelli ma lascia intatti i follicoli capillari. La tecnica tricofitica permette che i capelli ricrescano attraverso la cicatrice aiutando a camuffarla. Con questo metodo cerchiamo di creare una zona di transizione simile a quella che vediamo nel trapianto di unità follicolari. L’attaccatura che ne deriva sarà del tutto naturale. Dopo aver effettuato l’incisione lo scalpo viene staccato dal cranio fino alla parte posteriore dello stesso. Si utilizza la tumescenza per minimizzare il sanguinamento.
L’intervento di abbassamento dell’attaccatura femminile inizia realizzando un’incisione tricofitica molto sottile e irregolare tra i piccoli capelli fini che definiscono la parte anteriore dell’attaccatura. Questa incisione taglia trasversalmente il fusto dei capelli ma lascia intatti i follicoli capillari. La tecnica tricofitica permette che i capelli ricrescano attraverso la cicatrice aiutando a camuffarla. Con questo metodo cerchiamo di creare una zona di transizione simile a quella che vediamo nel trapianto di unità follicolari. L’attaccatura che ne deriva sarà del tutto naturale. Dopo aver effettuato l’incisione lo scalpo viene staccato dal cranio fino alla parte posteriore dello stesso. Si utilizza la tumescenza per minimizzare il sanguinamento.

La preoccupazione più grande relativa a questo tipo di intervento chirurgico è quella di ritrovarsi con una cicatrice evidente e poco gradevole. L’uso dell’incisione tricofitica è critico per evitare questo tipo di complicazione. Nel momento in cui i capelli ricresceranno e la ferita sanerà, la cicatrice risultante diventerà praticamente invisibile. È possibile effettuare successivamente un piccolo trapianto di capelli sulla cicatrice in caso la stessa sia visibile. In generale i pazienti non manifestano problemi particolari durante e dopo l’intervento. Spesso viene segnalata una certa insensibilità della zona frontale dello scalpo ma ciò si risolve spontaneamente nell’arco di 6 mesi. Altre complicazioni sono estremamente rare.

Risultati 

SHA

 

 

7. Trapianto di capelli ricostruttivo

Chirurgia di trapianto di capelli ricostruttiva: correggere i problemi lasciati da precedenti interventi

Ci sono varie ragioni che spiegano perché un precedente intervento di trapianto di capelli possa essere andato male: queste variano da una scarsa preparazione, perizia ed esperienza delle persone che l’hanno eseguito, ad una mancanza di conoscenza delle tecniche all’avanguardia, passando per motivi quali uno staff mal addestrato, una mancanza di talento artistico e di senso estetico e dell’armonia da parte del chirurgo della calvizie che ha eseguito l’operazione.
Le uniche persone che ne soffrono sono i pazienti, perché sono gli unici che sono costretti a vivere con le conseguenze di un trapianto insoddisfacente: capelli od attaccature innaturali, posizionamento scorretto dei capelli, (angolo di uscita delle unità follicolari errato) o cicatrici. Gli interventi correttivi possono portare ad avere significativi miglioramenti. Le opzioni correttive per un intervento chirurgico di trapianto di capelli ricostruttivo sono diverse e coinvolgono spesso tecniche tra loro complementari. Usando tali tecniche congiuntamente si possono ottenere i risultati desiderati.

Risultati

 Repair case Dr. Feriduni

 

 

8. Trapianto di ciglia

Per ciglia lunghe e naturali

Ci sono diverse ragioni dietro la perdita delle ciglia: malattia, radioterapia, incidenti, ustioni, pressione e stress causato dall’uso di ciglia artificiali, trucco permanente etc. Alcune donne hanno sin dalla nascita delle ciglia rade, corte o fini e desidererebbero avere ciglia lunghe e folte che appaiano del tutto naturali. Un trapianto di ciglia o un intervento ad alta densità di trapianto di ciglia può dare a questi pazienti ciò che stanno cercando, ristabilire il loro aspetto normale.

Risultati

Dense packing

Compila il modulo di consultazione

Contattaci per maggiori informazioni 
+32 11 299 790 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.